Mediazione: la nuova versione della proposta di legge

Siamo lieti di trasmettere la “versione 02” del progetto di legge in materia di risoluzione stragiudiziale delle controversie.  Questa versione incorpora, dopo attente riflessioni, diversi commenti e suggerimenti pervenuti al gruppo di lavoro a seguito della pubblicazione della prima bozza, lo scorso 15 aprile. Le modifiche principali sono elencate in nota, nella pagina introduttiva che riassume il provvedimento.

La norma più contestata, segnatamente da parte di alcuni organismi di mediazione, è stata quella relativa alla formazione, che tuttavia resta identica nella nuova versione.  Il gruppo di lavoro gradirebbe infatti ricevere proposte concrete di riscrittura della norma in oggetto, invece di osservazioni generiche, per quanto condivisibili, come “alzare l’asticella della qualità”, ovvero “le università non fanno necessariamente formazione di qualità”.  Tanto più concrete saranno le proposte da vagliare, tanto migliore potrà essere la versione 03 della proposta, anche sotto questo aspetto.

Il tema della qualità della mediazione è di centrale importanza, non solo in sé, ma anche nell’ottica di prevedibili iniziative giudiziarie contro l’emananda nuova disciplina della mediazione, quale che essa sarà.  In proposito, giova evidenziare che, in tempi non sospetti (2010), anche il neo-sottosegretario alla giustizia Cosimo Ferri aveva rimarcato il problema della qualità in un (per il resto molto) incoraggiante articolo in materia. Cfr.: http://www.vocealta.it/component/content/article/47-archivio-attualita/1929-cosimo-ferri-magistratura-indipendente-interviene-sulla-mediazione-civile-. In altre parole, i migliori sforzi e il contributo fattivo di tutti in materia di qualità della mediazione sono determinanti per il futuro sostenibile dell’istituto.

Questi è il file con progetto e commento: Progetto di legge ‘Risoluzione Alternativa delle Controversie’ e commento – vers. 02

Per proseguire e approfondire il dibattitto non solo su questa specifica proposta di legge, ma in generale sul necessario rinnovo del quadro normativo della mediazione, siamo lieti di invitare gli interessati a un ciclo di incontri tematici sulla mediazione, promossi dall’associazione Avocats Sans Frontières presso la Sala Europa della Corte d’Appello di Roma, in via Romei 2, i giorni:

23 maggio (“Il tentativo obbligatorio di partecipazione: opinioni a confronto)

13 giugno (“Il ruolo del giudice nella mediazione”)

27 giugno (“La qualità della mediazione”)

Tutti gli incontri si tengono dalle 13.30 alle 16.00.  Il programma dei vari incontri, che prevedono ciascuno ampio spazio per il dibattito, sarà disponibile nei prossimi giorni.

Annunci

Un altro incontro in tema di mediazione il 23 maggio a Roma

UNA MIGLIORE GIUSTIZIA CIVILE PER LA CRESCITA ECONOMICA

IL TENTATIVO OBBLIGATORIO DI CONCILIAZIONE: OPINIONI A CONFRONTO

 

Sala Europa, Corte d’Appello

 Via Romei, 2 – Roma

 

23 maggio 2013 (13:30 – 16:00)

 

Avocats Sans Frontières organizza un ciclo di tre incontri sul tema della mediazione delle liti, tornato alla ribalta politica a seguito della pubblicazione della relazione dei “Saggi”, che indicano nella “instaurazione effettiva di sistemi alternativi (non giudiziari) di risoluzione delle controversie … anche attraverso la previsione di forme obbligatorie di mediazione” la prima misura per contribuire a migliorare la giustizia civile. La stessa relazione del Gruppo di lavoro sulle riforme istituzionali prosegue sottolineando che la Corte costituzionale, difatti, ha cancellato l’obbligatorietà del tentativo di conciliazione, “ma solo per eccesso di delega”. Ciononostante, permangono in alcuni settori dell’avvocatura forti perplessità in merito alla possibilità di condizionare l’accesso alla giustizia a una procedura preliminare, specie se onerosa e in assenza di chiare e stringenti garanzie di qualità.

Della centralità di quest’aspetto nel dibattito su un’efficace e realistica politica della mediazione, e delle soluzioni normative già proposte per ridare slancio alla risoluzione stragiudiziale delle controversie, discutono nel primo di questi incontri:

 

Giuseppe De Palo Presidente, ADR Center

Paolo Iorio Presidente onorario, Avocats Sans Frontières

Ester Perifano Presidente, Associazione Nazionale Forense

Angelo Santi Responsabile, Coordinamento della Conciliazione Forense

Al termine dell’incontro è previsto un ampio dibattito. I due incontri successivi si terranno presso la Sala Europa, alla stessa ora, i giorni 13 giugno (“Il ruolo del giudice nella mediazione: esperienze e proposte”) e 27 giugno (“La qualità della mediazione”).

È stata fatta domanda al Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma per l’ottenimento dei crediti formativi.

Gli incontri sono gratuiti. Per informazioni e iscrizioni: mediazione.asf@gmail.com