caravita

All’Istituto Jemolo il 10 novembre la presentazione del nuovo libro dell’avv. Giuseppe Caravita

Postato il

Continua la “saga dell’avvocato”, con il nuovo interessantissimo libro dell’avv. Giuseppe Caravita di Toritto, in collaborazione con il giovane e brillante editore, Salvatore Primiceri (Primiceri Editore, http://www.primicerieditore.it/).

Dopo lo straordinario successo di “Avvocà, per ora grazie“, la nuova fatica del nostro brillantissimo e arguto collega, dal titolo “Uno di duecentocinquantamila  – Troppi Avvocati“, verrà presentata il 10 novembre 2016, alle ore 14.00, presso l’Istituto Carlo Arturo Jemolo in Roma, Viale Giulio Cesare 13.

Sarà un’ottima occasione per incontrare l’autore. Questa è la locandina:

locandina-jemolo

Il libro verrà pubblicato l’8 novembre, è già possibile prenotarlo qui: http://www.primicerieditore.it/prodotto/uno-di-duecentocinquantamila-troppi-avvocati-g-caravita-di-toritto/

 

“Avvocà, per ora grazie”, il video della presentazione presso lo studio Giambrone

Postato il

“Avvocà, per ora grazie”.

Storie di un avvocato, che potrebbero essere le storie di tutti gli avvocati. Racconti brevi e rievocativi che, a ritmo incalzante, trascinano il lettore in una coinvolgente danza tra i ricordi.

Ospite nella sede di Palermo dello Studio Legale Internazionale Giambrone, l’avvocato Giuseppe Caravita ha letto alcuni estratti del suo libro. Di seguito, il breve video con i momenti salienti dell’incontro: 

Il 7 novembre la presentazione del libro “Avvoca’, per ora grazie”, di Giuseppe Caravita di Toritto.

Postato il Aggiornato il

Sono veramente felice di annunciare che il 7 novembre, alle 11, presso l’Istituto Arturo Carlo Jemolo, in Roma, Viale Giulio Cesare 54, verrà presentato l’attesissimo libro dell’avv. Giuseppe Caravita di Toritto, “Avvocà, per ora grazie”. Vi aspettiamo numerosi!

10735835_10204956751789159_714453180_n

locandina libro

L’avv. Caravita scrive al Presidente del Consiglio a proposito delle ferie degli avvocati…

Postato il Aggiornato il

Con grande gioia, pubblico di seguito un nuovo “pezzo” del caro Giuseppe Caravita, questa volta indirizzato al nostro Presidente del Consiglio:

Caro Presidente del Consiglio, oggi hai detto “Se gli avvocati ci facessero la cortesia di lavorare un pò di più…” Io questa frase sinceramente non l’ho capita. Tanto per cominciare non capisco con quale metro tu sei in grado di misurare il nostro lavoro. Siamo liberi professionisti: tradotto in italiano corrente vuol dire che lavoriamo senza stipendio, senza orario, senza padroni. Sono tre condizioni che non molti in questo paese sono in grado di comprendere. Senza stipendio: a fine mese nessuno ci dà una busta paga. Ad agosto e a dicembre, se non abbiamo accantonato come formichine durante il resto dell’anno, nessuno ci paga ferie o tredicesime. A fianco al nostro lavoro quotidiano, che è quello di fare gli avvocati, dobbiamo fare un ulteriore lavoro, che è quello di farci pagare. Vedi, caro Presidente del Consiglio, è diventato molto di moda irridere gli avvocati. Sono troppi, sono squali,sono strascinafaccende, sono paglietta,..Questo vuole dire che l’opinione che ha di noi l’opinione pubblica è molto bassa. Salvo poi correre dall’avvocato quando non se può più fare a meno, il che – tradotto sempre in italiano corrente – vuol dire presentarsi con le uova già rotte e pretendere che il professionista le aggiusti, il tutto – ovviamente – gratis et amore deo. Senza orario: lo sai, caro Presidente del Consiglio, quanto può durare una udienza? No, non puoi saperlo, perchè ovviamente e giustamente tu non frequenti le aule di Tribunale. Può durare un attimo solo, o un’ora, o tre ore. Dipende dall’argomento che affronti, da quello che devi dire e fare in quella udienza. Ma quell’attimo, o quell’ora, o quelle tre ore, possono essere all’inizio, o a metà, o in coda di una intera mattinata. E tu non puoi saperlo, quando verrai chiamato, e aspetti ore ed ore. Poi naturalmente, c’è il ricevimento a studio, e le questioni da studiare, e gli atti da preparare. Io, per esempio, amo lavorare a notte fonda. Mi concentro di più. Vale come orario di lavoro, secondo te, o il fatto che non sia un orario ufficiale lo trasforma automaticamente in qualcosa che lavoro non è? Senza padroni: mi vanto di non avere mai ricevuto ordini o disposizioni da nessuno. I miei padroni sono il mio cuore, il mio cervello e la mia dignità. Questa è la nostra condizione. Nostra, caro Presidente del Consiglio, perchè io la condivido con altri 250.000 Avvocati in tutta Italia. Dunque questa mia personalissima opinione conta una frazione pari a 1/250.000 (un duecentocinquamilesimo) dell’intero corpo sociale dell’Avvocatura. Ma io sono sicuro che tutti ti direbbero le stesse cose che ti sto dicendo io. Lavorare di più? Con estremo piacere. Dateci un sistema giustizia che funzioni veramente, e invece di lavorare 12 ore al giorno, ne lavoreremo anche 14. Dateci la fiducia che ci meritiamo, ed insieme potremo costruire una nuova strada della giustizia. Dateci gli strumenti necessari per fare quello che va fatto. Come diceva qualcuno, dateci un punto di appoggio, e solleveremo il mondo.