COSA SUCCEDE PER IL CANONE A CHI HA UN LOCALE COMMERCIALE CHIUSO PER IL CORONAVIRUS?

E’ una domanda che in questi giorni ci viene spesso proposta, ovviamente a noi come a molti altri legali, tanto che certamente non siamo i primi che scrivono sull’argomento (si veda ad esempio: http://www.pennisi.it/2020/03/30/non-riesco-a-pagare-laffitto-del-mio-negozio-ufficio-che-posso-fare/, oppure http://www.quotidianogiuridico.it/documents/2020/03/26/coronavirus-e-locazione-ad-uso-commerciale-si-puo-sospendere-o-ridurre-unilateralmente-il-pagamento-del-canone, o https://www.prontoprofessionista.it/articoli/coronavirus-e-sospensione-del-pagamento-del-canone-di-locazione.html, http://studiolegalesgro.net/riduzione-dei-canoni-di-locazione-per-emergenza-coronavirus/), ma a cui non è semplice rispondere, anche perché nessun provvedimento governativo ha pensato di affrontare la questione. Quello che possiamo dire a chi ci sta contattando in questi giorni, spesso in preda alla disperazione, è che il D.L. 18 del 17 marzo 2020 si è limitato a prevedere un credito di imposta pari al 60% del canone del solo mese di marzo 2020 per la locazione di “negozi e botteghe”, come previsto dall’art. 65: “Al fine di contenere gli effetti negativi derivanti dalle misure di prevenzione e contenimento connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, ai soggetti esercenti attività d’impresa è riconosciuto, per l’anno 2020, un credito d’imposta nella misura del 60 per cento dell’ammontare del canone di locazione, relativo al mese di marzo 2020, di immobili rientranti nella categoria catastale C/1

L’Agenzia delle Entrate ha poi pubblicato la risoluzione n. 13/e/2020, con la quale ha fornito dei chiarimenti sul punto, precisando che esso si applica unicamente quando l’oggetto del contratto di locazione stipulato siano gli immobili rientranti nella categoria catastale C/1, ossia come detto “negozi e botteghe”. Ne discende che non potranno beneficiare di tale normativa speciale i soggetti che operano in altre tipologie di immobili, ad esempio, in quelli catastalmente classificati come “uffici e studi privati” (cat. A/10), “laboratori per arti e mestieri” (cat. C/3), “magazzini e locali di deposito (cat. C/2), “fabbricati e locali per esercizi sportivi (con fini di lucro)” (cat. D/6), opifici (cat. D/8). Naturalmente, il credito di imposta potrà essere assegnato solo a quelle attività che sono state costrette a chiudere in quanto “non essenziali”. Si tratta di una misura evidentemente insufficiente, anche perchè pensata per il solo mese di marzo, quando certamente l’emergenza si potrarrà ancora per diverso tempo.

Peraltro, il DL come previsto dal suo normale iter legislativo, deve essere convertito in legge entro sessanta giorni dalla sua emanazione, altrimenti perderà di efficacia sin dall’inizio. Dalle ultime notizie, sembra inoltre che siano stati presentati circa mille emendamenti, sia dalla maggioranza che dalle opposizioni, che potrebbero modificarlo anche in modo sostanziale.

Allo stato attuale, per tornare alla domanda che spesso ci viene posta in questi giorni in cui siamo tutti in emergenza per il Coronavirus, il primo punto da considerare è che nella tragica situazione in cui ci troviamo, e in particolare in questa che qui ci occupa, gli attori sono due. Ciascuno di essi sta subendo dei gravissimi danni, che potrebbero essere anche irreversibili e deve agire immediatamente per limitarli il più possibile.

Infatti, oltre al conduttore dell’immobile, che giustamente è preoccupato perché la chiusura della sua attività non gli consente di incassare, dall’altra parte abbiamo il proprietario, che ha investito una forte somma nell’acquisto del locale, che contava di ammortizzare con l’incasso del canone di locazione. Si pensi anche, per esempio, a chi ha un immobile adibito a casa vacanze e lo ha dato in gestione ad un terzo che gli versa un canone mensile. In questi mesi il gestore non avrà alcuna possibilità di guadagno, con tutte le conseguenze del caso.

In questa situazione gravissima, che peraltro non si è creata per responsabilità di nessuno dei due, la soluzione migliore a parere di chi scrive, negoziatore esperto e mediatore in oltre tremila procedure di cui molte in questa materia, potrebbe essere quindi quella di cercare, attraverso una negoziazione o meglio ancora con l’aiuto di un mediatore esperto, un accordo conciliativo per la riduzione, temporale o anche definitiva, del canone di locazione, invece di sospendere unilateralmente il pagamento del canone di locazione; anche perché questo porterebbe, inevitabilmente, ad lungo contenzioso dall’esito sempre incerto e caratterizzato da forti costi.

In ogni caso, e naturalmente anche di questo andrebbe tenuto conto nell’eventuale negoziazione, si deve tenere presente quanto disposto dall’art. 1467 c.c., che riguarda i casi in cui la prestazione diventi eccessivamente onerosa per cause sopravvenute. Secondo tale norma “nei contratti a esecuzione continuata o periodica, se la prestazione di una delle parti è divenuta eccessivamente onerosa per il verificarsi di avvenimenti straordinari e imprevedibili, la parte che deve tale prestazione può domandare la risoluzione del contratto”. L’ultimo comma di tale articolo aggiunge che “la parte contro la quale è domandata la risoluzione può evitarla offrendo di modificare equamente le condizioni del contratto”.

Nella situazione attuale, pertanto, come già detto si potrebbe ipotizzare per il conduttore di richiedere al locatore una temporanea riduzione dell’ammontare del canone di locazione dovuto per il periodo di restrizioni poste dal Governo, in modo che il rapporto contrattuale possa proseguire senza contrasti, per poi tornare all’ammontare ordinario una volta cessati i divieti e quindi si possa proseguire l’attività.

Per ulteriori informazioni, anche per l’eventuale inizio di una negoziazione, scrivere a consulenza@studiotantalofornari.it L’e mail verrà riscontrata al più presto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.