Mese: aprile 2018

Pubblicate in G.U. le modifiche ai parametri forensi: finalmente previste voci specifiche per la mediazione.

Postato il Aggiornato il

Sono state pubblicate in Gazzetta Uffiiciale le modifiche al decreto 10 marzo 2014, n. 55, concernente la determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense.

Sono stati – finalmente – inseriti i compensi per avvocati che assistono i clienti in mediazione e negoziazione. E’ stato anche inserito l’aumento del 30% “quando gli atti depositati con modalità telematiche sono redatti con tecniche informatiche idonee ad agevolarne la consultazione o la fruizione e, in particolare, quando esse consentono la ricerca testuale all’interno dell’atto e dei documenti allegati, nonche’ la navigazione all’interno dell’atto”.

Per quel che riguarda l’avvocato che assiste più soggetti aventi la stessa posizione processuale, il compenso unico può di regola essere aumentato per ogni soggetto oltre il primo nella misura del 30 per cento (anziché del 20), fino a un massimo di dieci soggetti, e del 10 per cento (anziché del 5) per ogni soggetto oltre i primi dieci, fino a un massimo di trenta (anziché di venti);

 

Di seguito il provvedimento integrale: http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2018/04/26/18G00062/SG

Annunci

I crediti erariali si prescrivono dopo cinque anni dalla notifica della cartella esattoriale.

Postato il Aggiornato il

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 23397/2016 a Sezioni Unite, ha confermato definitivamente il principio per il quale qualunque credito erariale (ivi compresi quelli delle Casse dei professionisti e dell’Agenzia delle Entrate per IVA, IRPEF e così via) si prescrive in cinque anni dalla notifica della cartella esattoriale, e non in dieci, termine che si applica esclusivamente alle sentenze passate in giudicato.

La conseguenza è, quindi, la nullità delle pretese dell’Erario e delle altre Pubbliche Amministrazioni relative a cartelle esattoriali, per prescrizione dei relativi crediti dopo cinque anni.

Per chiarimenti e consulenza su eventuali ricorsi, scrivere a consulenza@studiotantalofornari.it oppure chiamare il n. 0632609190.